Intelligenza Artificiale e scrittura. Come l’AI ti aiuta a migliorare i tuoi testi

Ai e scrittura, fondo verde con scritte blu e simbolo del like

Condividi questo post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

La scrittura è fonte di ispirazione, ma è anche un’attività che richiede tempo e che può diventare estenuante. Fortunatamente per tutti gli scrittori del mondo, l’Intelligenza Artificiale è oggi capace di aiutarti nella scrittura. Sa rendere i tuoi testi più veloci da scrivere, più efficienti e ancora più interessanti per il pubblico.

Gli esperti dicono che un robot scriverà un articolo in autonomia solamente quando sarà in grado di superare il test di Turing, e nessuna macchina ha ancora raggiunto questo obiettivo.

Tuttavia, anche se non è ancora diventata il prossimo Hemingway, l’Intelligenza Artificiale potrebbe – come spesso accade – ribaltare la situazione. Non essere in grado di competere con gli scrittori umani alla pari non significa che la tecnologia dell’AI non abbia alcun potenziale.

Oggi vedremo come l’AI può migliorare la scrittura e far risaltare i tuoi testi.

Come migliorare i tuoi testi con l’AI 

C’è sempre stato un problema, che è la precisione e l’uso efficace degli strumenti. Alcuni scrittori professionisti, come George R. R. R. Martin – autore della famosa saga A Song of Ice and Fire – affermano che gli strumenti sono inutili per persone con capacità di scrittura già ben sviluppate.

Scrivere contenuti attraenti e accattivanti è un’esperienza difficile, ma affascinante. Chiunque scriva per un lavoro sa perfettamente come farlo e quanto possa essere impegnativo. Se sei uno scrittore professionista, sai anche che tenere il passo è una sfida quotidiana.

Prima di tutto, devi avere idea delle persone a cui vuoi parlare, la tua target audience. Poi ti serve un’idea – una buona idea. Quindi, navighi sul web per essere sicuro che sia effettivamente utile e di valore e che ci sia abbastanza materiale di partenza. Forse potresti anche trovare e sottolineare un paio di frasi promettenti. A questo punto, organizzi le idee in un testo coerente.

Solo dopo questa sequenza di azioni potrai mettere le mani sulla tastiera e iniziare a creare il tuo contenuto. Devi trovare il modo migliore per dare vita al tuo messaggio, e questo potrebbe richiedere un po’ di tempo. Dovrai considerare elementi come lo stile, il target di riferimento, il SEO (per l’editoria digitale) e la qualità dei contenuti.

Naturalmente, non è finita qui. Devi rileggere il lavoro, e quando lo farai probabilmente cambierai qualcosa – una frase troppo complessa, per esempio. Infine, ma non meno importante, caricherai i testi sul tuo sito e lo promuoverai sui social media sponsorizzando i tuoi post.

È un processo lungo e impegnativo.

Intelligenza Artificiale e Scrittura

C’è un modo per renderlo più facile? Sì, ed è l’Intelligenza Artificiale. L’AI può aiutare l’intero processo di scrittura in molti modi, dalla ricerca delle fonti alla verifica della fluidità del pezzo. Può farlo da sola in pochi minuti, permettendoti di scrivere contenuti migliori e più specifici, risparmiando moltissimo tempo.

L’AI sta migliorando anche nel riconoscimento del contesto e nella comprensione dell’intento di un testo scritto. Vedremo un paio di situazioni in cui l’AI potrebbe potenzialmente essere un salvavita per la sindrome da pagina bianca.

AI e analisi di qualità dei testi

Come scoprire se il tuo paper è così ben scritto come speri? Se non hai nessuno che possa rileggerlo per te, puoi chiedere l’aiuto dell’AI.

Molti strumenti possono fare esattamente questo: controllano la qualità della tua scrittura e anche la sua leggibilità. Se sei preoccupato per una parola fuori luogo o se hai scritto una frase troppo lunga, possono aiutarti a sistemare tutto.

Grammarly è uno degli strumenti più importanti per farlo. Si tratta di un editor di scrittura che utilizza l’Intelligenza Artificiale per identificare i problemi di scrittura e segnala errori e migliorie.

Intelligenza Artificiale Scrittura: Grammarly, software di scrittura basato su AI
Grammarly

Intelligenza Artificiale e fonti dati

Se hai mai scritto qualcosa, sai perfettamente quanto possa essere faticoso scorrere le pagine web alla ricerca di fonti. L’AI può aiutarti a risparmiare tempo ed energie e a trovare l’articolo giusto.

Come può farlo? I molti modi, ad esempio creando un riassunto dell’argomento di un particolare articolo. O potrebbe aiutare la tua ispirazione quotidiana, selezionando per te i post e le notizie sull’argomento che ti interessa.

Il content writing più semplice del mondo

L’intelligenza artificiale può rendere più veloce la scrittura dei contenuti? Sì! 

Lo strumento “Magic Draft” fa parte del set di servizi di GhostwriterAI. Lo strumento è progettato per aiutarti a creare nuovi contenuti testuali in metà tempo creando per te una bozza nata dal riassunto di altri testi.

Utilizza l’Intelligenza Artificiale per estrarre contenuti di valore dalle fonti che hai selezionato, in modo da non dover partire da zero.

Basta plagi

Il plagio è una delle cose peggiori che possano capitare a uno scrittore.

Può essere anche involontario, ma succede. Potresti copiare una frase da un saggio interessantissimo e dimenticare di citare la fonte, o anche farlo di proposito. Non importa se stai agendo in buona fede, è comunque sbagliato e penalizza i tuoi testi.

Come evitarlo? Un software di AI può analizzare le frasi che stai scrivendo e cercare sul web per scoprire se c’è una corrispondenza sospetta con il testo di qualcun altro.

L’Intelligenza Artificiale aiuta nella scrittura ma non sostituirà (per il momento) gli scrittori

Anche se l’uso dell’intelligenza artificiale per scrivere è intrigante, dobbiamo ricordarci che è improbabile che un robot possa sostituire completamente il lavoro di un giornalista.

Come abbiamo detto, questo capita perché nessuna macchina ha mai superato il test di Turing, ma c’è di più. L’Intelligenza Artificiale e il machine learning sono due tecniche stupefacenti che a volte possono sembrare magiche.

Tuttavia, sono comunque macchine che obbediscono a degli ordini.

Questo significa che manca loro una qualità fondamentale per uno scrittore, cioè la creatività.

Le emozioni e la capacità di raccontare storie sono fondamentali per costruire una storia significativa che colpisca il cuore delle persone e, al giorno d’oggi, solo gli esseri umani possono farlo.

È ormai chiaro che l’intelligenza artificiale non è una minaccia per gli scrittori professionisti, ma una risorsa che può rendere il lavoro di scrittura dei testi più facile.

E la tecnologia? Ci sono già libri scritti con l’AI?

Una macchina può scrivere un saggio illuminante, un romanzo emozionante, una saga accattivante?

Come abbiamo detto, è improbabile, ma l’intelligenza artificiale sta facendo molti progressi nella comprensione del testo e nella scrittura. Vediamo un paio di esempi.

I libri di SB Ekhad

I libri di questo misterioso autore sono stati bestseller per mesi. Non c’è da stupirsi che il pubblico si sia emozionato quando lo scrittore si è presentato per la prima volta durante l’Oxford Literary Festival.

La sorpresa è stata ancora maggiore quando lo scrittore si è rivelato… un computer, chiamato 3B1 (in ebraico lo si può tradurre come Shalosh B. Ekhad). 

Accanto a lui, il programmatore dell’Istituto matematico dell’Università di Oxford che gli ha dato vita. Il codice permetteva al computer di sfogliare tutti i libri della Bodleian Library. Il risultato era incredibile: il sistema si era evoluto da solo e aveva capito ciò che la gente apprezzava di più.

Intelligenza Artificiale, scrittura e il prossimo libro di Harry Potter 

C’è un racconto di Roald Dahl, The Great Automatic Grammatizator (in italiano Lo Scrittore Automatico), in cui un supercomputer può scrivere da solo romanzi di massa. Nella storia, la macchina è usata per ricattare autori famosi, ma per fortuna la realtà è un po’ diversa.

Un gruppo di autori ha creato un collettivo chiamato Botnik e ha deciso di produrre letteratura grazie all’AI.

Il software ha analizzato i sette libri di JK Rowling e ha prodotto le prime tre pagine di un nuovo libro di Harry Potter. Il titolo? “Harry Potter e il ritratto di ciò che sembrava un grande mucchio di cenere”.

Il prodotto finale era sorprendentemente convincente, anche se non impeccabile.

Copertina blu del sito di Botnik, collettivo di autori basato sull'uso dell'AI
Il collettivo Botnik

Intelligenza Artificiale, scrittura e giornalismo

L’AI sta diventando un enorme aiuto per i giornalisti. Per esempio, Forbes usa l’AI per fornire a giornalisti e reporter modelli e bozze per scrivere il prossimo articolo. L’AI converte in tempo reale i dati in una narrazione fluida.

Conclusioni

Insomma, che l’AI sia un grande aiuto per gli scrittori di professione sembra indubbio. Cosa verrà dopo? Probabilmente, la prossima rivoluzione sarà la NLU (Natural Language Understanding), che farà sì che le persone e i computer si capiscano a vicenda.

Non sappiamo cosa succederà, ma non vediamo l’ora di scoprirlo!

Altro da leggere

Time for Innovation

Where are you from?