AAA: Ascolto, Apprendo, Analizzo, quindi Sono

Ascolto intelligenza artificiale

Condividi questo post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

L’ascolto è una caratteristica cruciale per i brand, e collega esseri umani e intelligenza artificiale.

Bisogna coltivare il benessere aziendale, e condividere le storie rende le persone più umane, creando nuove connessioni. Questo è necessario in un mondo liquido in cui le diverse sfere della vita – lavoro, famiglia, passioni – non sono più separate nettamente come un tempo. L’ascolto in questo è fondamentale, creando così dei feedback consapevoli che portano a delle azioni pratiche. La cultura del comprendere il feedback è cruciale per i brand, e l’ascolto è ciò che è alla sua base. 

Anche per l’intelligenza artificiale è necessario ascoltare e ricevere feedback, potenziare e processare il linguaggio, per poi capire e analizzare la conversazione ed estrarne dei dati, in tre fasi diverse ma complementari. Le macchine rispecchiano ciò che vogliamo fare come esseri umani.

Noi ascoltiamo e sentiamo con i sensi e con la volontà. Inoltre, i feedback devono essere circolari, permettendo a tutti di apprendere e migliorare, rendendo il percorso accogliente e coinvolgente. L’intelligenza artificiale permette di democratizzare il feedback e l’apprendimento. 

In futuro cosa accadrà? In un mondo fluido, la tecnologia avrà sempre di più un ruolo importante ed esponenziale. Ci deve essere un patto tra brand, dipendenti e tecnologie, in cui si migliora reciprocamente. 

Diventiamo sempre più parte di un sistema liquido in cui la vita con le macchine è quotidiana, grazie alla tecnologia che pervade il nostro mondo. Ascoltare significa anche scegliere. La macchina sceglierebbe sempre la produttività e la logica, ma noi umani siamo più elastici. Con l’aumento della creatività – e anche della capacità di ascolto – dell’intelligenza artificiale, il confine tra macchina e uomo si assottiglierà, ma il punto è che dobbiamo avere fiducia nel cambiamento per seguire il flusso in cui noi siamo soddisfatti perché stiamo scegliendo, con fiducia, dove indirizzare i nostri sforzi. Senza la fiducia, le macchine saranno sempre lontane dall’uomo.

Dobbiamo ascoltare e misurare le persone, e possiamo farlo solo attraverso le macchine, sfruttando la tecnologia per qualcosa di positivo. L’essere umano è imprescindibile, ma la tecnologia è di enorme aiuto.

La tecnologia va usata per le persone, rendendo le cose semplici. Il motto di Glickon è “Falla semplice”. Essere umani, per un’azienda che si occupa di tecnologia, mettendo le persone protagoniste, indipendentemente dalle differenze e dalle specifiche di ciascuno.

Il lavoro non deve essere pieno di parole vuote, ma i processi devono seguire un percorso. 

L’ascolto deve creare coinvolgimento. E deve accadere soprattutto nelle aziende.

I LiveTalk di Ghostwriter AI

I nostri LiveTalk sono un incontro settimanale in cui parliamo con un/a professionista di come sia possibile osare per innovare nei diversi ambiti del business, e di come l’Intelligenza Artificiale può aiutare i processi.

Il nostro ospite: Carlo Rinaldi

Carlo Rinaldi è Ingegnere, musicista, direttore marketing e comunicazione di Glickon.

Altro da leggere

Time for Innovation

Where are you from?