“AI is whatever hasn’t been done yet”

opportunità intelligenza artificiale

Condividi questo post

Torino è una città con numerosi player che si occupano di intelligenza artificiale e NLP. Le aziende presenti sul territorio stanno aspettando l’avvio di un Istituto dedicato all’unione tra imprese e ricerca, legato alla manifattura, in particolare automotive e aerospazio. Quali sono quindi le opportunità dell’intelligenza artificiale?

L’industria ha spinto le innovazioni verso le opportunità verso l’industria 4.0, e ora è necessario adattarlo anche alla parte applicativa dell’AI. 

Nasce così un circolo virtuoso per talenti, aziende e brand, in modo da aumentare la crescita dei settori più tecnologici e interessanti.

Il piano di innovazione digitale riguarda non solo il Piemonte ma tutta Italia, facendo trovare un vantaggio competitivo in una parte delle aziende ancora parzialmente escluse dal mondo dell’innovazione e dell’AI, soprattutto in una società molto diversa.

Anche la missione dell’intelligenza artificiale nei processi produttivi è cambiata. Le previsioni danno supporto alle decisioni ed è anche possibile automatizzarle.

Inizialmente le modalità applicative degli algoritmi erano nebulose, rendendo altrettanto indefiniti obiettivi dei progetti e KPI.

Talvolta si sono sottovalutati alcuni problemi, risolti poi in casi d’uso utili proprio grazie all’intelligenza artificiale e alle opportunità che porta con sé.

L’intelligenza artificiale è ciò che ancora non abbiamo fatto. Abbiamo risolto molti problemi con applicazioni sviluppate in ambito AI, che poi hanno smesso di esserlo.

In questo momento storico, possiamo fare moltissime cose interessanti. Per quello che ancora non funziona, aspettiamo. Abbiamo la possibilità di sfruttare performance efficaci, e non possiamo fare altro che andare avanti.

L’intelligenza artificiale offre tantissime opportunità, molte da regolamentare, ma il libero arbitrio è sempre in mano agli esseri umani. Si tratta però di una tecnologia trasformativa, se funziona lo fa davvero.

Negli USA sta nascendo una carta dei diritti dell’intelligenza artificiale mentre in Europa il Parlamento Europeo ha rilasciato la proposta di Regolamento sull’Intelligenza Artificiale. I governi concordano sulla necessità di regolamentare l’uso dell’AI per ottenere il meglio da una tecnologia il cui uso è oggi di rilevanza mondiale.

Il nostro ospite: Vittorio Di Tomaso

Di Tomaso è stato co-fondatore, presidente e CEO di CELI – Language Technology. Ora è amministratore delegato e partner di  H-FARM Innovation.

I LiveTalk di Ghostwriter AI

I nostri LiveTalk sono un incontro settimanale in cui parliamo con un/a professionista di come sia possibile osare per innovare nei diversi ambiti del business, e di come l’Intelligenza Artificiale può aiutare i processi.

Altro da leggere