Intelligenza artificiale al lavoro per ridurre lo stress

intelligenza artificiale al lavoro

Condividi questo post

Negli ultimi anni, c’è stata una rivalutazione dell’intelligenza artificiale, grazie alla nuova quantità di dati disponibili e allo sviluppo e ottimizzazione di nuovi paradigmi e algoritmi. L’utilizzo dell’intelligenza artificiale al lavoro è ormai molto conosciuto e sfruttato. 

In Oracle, da tre anni la ricerca [email protected] analizza due parametri: l’accettazione degli algoritmi basati su AI sul posto di lavoro e il loro impatto.

Nel 2020, per molte persone  è stato un anno stressante da un punto di vista professionale. Lo stress è aumentato esponenzialmente, il 64% delle persone hanno dichiarato che si troverebbero a loro agio nel parlare con un chatbot del loro stato mentale.

Perché? Grazie alla sua disponibilità 24/7, all’ascolto non giudicante e alla possibilità di interrompere la conversazione. Insomma, si fidano di un chatbot più che del loro capo.

Nel 2021, l’uso dell’Intelligenza artificiale al lavoro ha visto altre modifiche interessanti, anche grazie a un turnover e una serie di licenziamenti massivi. Per molti è cambiato il concetto di successo e si sono modificate le priorità, privilegiando un work-life balance.

Molte persone pensano che i robot possano aiutarli nella loro carriera più di un umano, grazie all’analisi di competenze, percorso e matching tra domanda e offerta. Grazie all’AI infatti è possibile analizzare le skill di migliaia di persone in pochissimo tempo, verificare l’accuratezza dei dati dei candidati, trovare le persone più adatte per una posizione in particolare all’interno dell’azienda.

L’aumento di tempo libero dato dal remote working ha fatto sì che le persone dedicassero molto più tempo alla formazione personale, che, molto spesso, è aiutata dall’uso di chatbot e assistenti virtuali, soprattutto quando avviene da device mobili dopo l’orario di lavoro. 

Insomma, il mondo del lavoro non è – e non sarà – di certo l’unico ad avere avuto dei benefici dall’adozione dell’intelligenza artificiale.

La nostra ospite: Luisella Giani

Luisella Giani è Industry advisor In Oracle, consulente per la trasformazione digitale, in cui analizza le tecnologie emergenti per capire come usarle nelle aziende per aggiungere gli obiettivi di brand e di business.

I LiveTalk di Ghostwriter AI

I nostri LiveTalk sono un incontro settimanale in cui parliamo con un/a professionista di come sia possibile osare per innovare nei diversi ambiti del business, e di come l’Intelligenza Artificiale può aiutare i processi.

Altro da leggere