Data collection basata su AI: una first party strategy

data collection first party strategy

Condividi questo post

Al giorno d’oggi, i dati sono alla base del marketing, e lo sappiamo bene. Tuttavia, c’è qualcosa di cui preoccuparsi: l’importanza della data collection e della first party strategy.
Dopo la normativa GDPR, alcuni potrebbero credere che utilizzare i dati per scopi di marketing sia ormai impossibile. Questo non è semplicemente vero – e stiamo per spiegare perché l’intelligenza artificiale può dare una mano.

Perché data enrichment e intelligenza artificiale sono così importanti per il marketing del 2022

Il potere del data enrichment dato dall’intelligenza artificiale viene riconosciuto come un modo per aumentare profitto e conversioni. Il data enrichment fornisce relazioni più significative con i clienti e aumenta la probabilità dei marchi che lo utilizzano.

Più dati hai sui potenziali clienti, più la personalizzazione sarà accurata e facile da realizzare, grazie all’automazione e alla capacità dell’intelligenza artificiale di scoprire pattern e modelli. 

Se vuoi capire meglio il tuo pubblico, devi avere chiaro in mente chi ne fa parte, e costruire una strategia per attrarre la tua buyer persona ideale. Più si riesce ad essere precisi in questa fase, più sarà semplice arrivare a nuovi clienti.

Questo porterà anche a una customer experience più significativa e ponderata, perché se sai chi sono i tuoi clienti, sai anche cosa vogliono – allarme spoiler, ne parleremo tra un minuto.

Cos’è la metodologia del data enrichment?

L’analisi dei dati con l’AI permette di utilizzare una metodologia di data enrichment avanzata e conforme alla privacy. 

Se vuoi approfondire cos’è il data enrichment  e come può aiutarti, ti invitiamo a leggere anche i seguenti articoli:

Data Enrichment: la guida per massimizzare la customer experience

3 vantaggi dell’uso del data enrichment per il marketing

Il ruolo del data enrichment nel retail

Come vedi, può essere usato in molti settori diversi, ma è più comunemente usato nel marketing e nella pubblicità. Le aziende di marketing e advertising usano il data enrichment basato su AI per generare idee di contenuto per i loro clienti.

Gli strumenti di data enrichment basati sull’AI permettono alle aziende di collegare la loro base di conoscenza con ulteriori fonti di informazione, per ottenere una rappresentazione più accurata di ciò che il pubblico già conosce sui loro prodotti, servizi, eventi e altro. La disponibilità di nuovi dati rende il contenuto più rilevante e coinvolgente per il pubblico. 

L’enrichment include tipicamente informazioni da fonti terze come i social media o i database pubblici. Solo pochi mesi fa, i dati di terze parti e la data collection basata sui cookie erano il modo comune per ottenere informazioni e approfondimenti.

Tuttavia, qualcosa ha rotto lo schema: una nuova legge sulla gestione dei dati.

Esploriamo i dettagli.

La data collection basata sui cookie è una pratica che è stata utilizzata per anni. Si tratta di tracciare il comportamento dell’utente salvando i cookie sul suo dispositivo. I cookie sono piccoli pezzi di informazioni che vengono memorizzati sul dispositivo dell’utente, e contengono informazioni sulle attività di navigazione dell’utente. Tuttavia, questo approccio è ormai superato e deprecato quando si tratta di tracciare i cookie. Altri tipi sono ancora utilizzati e disponibili.

Gli utenti possono disabilitare i cookie di tracciamento nelle impostazioni del loro browser o utilizzare le estensioni del browser per bloccarli. Inoltre, le aziende pubblicitarie di terze parti hanno iniziato a utilizzare il fingerprinting per tracciare gli utenti senza utilizzare i cookie o altri identificatori come gli indirizzi IP o gli ID mobili.

È una tragedia per i brand? Lo è stato quando la notizia è uscita per la prima volta, ma non ora – perché possiamo usare i dati di prima parte e il data enrichment per far funzionare a meraviglia qualsiasi strategia.

First e third-party data: cos’è meglio per il marketing e perché 

I marketer possono usare i dati da diverse fonti per prendere decisioni più accurate. Possono raccogliere intuizioni sui loro clienti e usare queste informazioni per adattare le loro campagne di marketing di conseguenza.

Il marketing senza cookie è una delle tecniche che i commercianti stanno usando per raccogliere informazioni sui loro clienti. Questa tecnica comporta la data collection da diverse fonti come i social media, i cookie e altre fonti come i log del web, o database dei clienti.

“Dati di prima parte” è un termine usato nel marketing per riferirsi alle informazioni che un’azienda ha sui suoi clienti. Questo può includere nomi di clienti, indirizzi, numeri di telefono, registri di transazioni finanziarie, attività del sito web, che sono direttamente raccolti. Sono i dati che gli stessi marketer raccolgono attraverso sondaggi, moduli di feedback dei clienti, transazioni, o utilizzando un sistema CRM.

Come detto, i dati di terze parti sono stati spesso raccolti senza il permesso dell’individuo. In genere, il comportamento del cliente veniva raccolto online analizzando le abitudini di navigazione o la cronologia degli acquisti. Perché? Quella data collection ha lo scopo di indirizzare i clienti verso le migliori offerte – una tattica che sembra innocua, a prima vista. Ma ora tutto sta cambiando.

Perché i brand hanno bisogno dei first-party data e cosa può fare il data enrichment

Le nuove leggi deprecano i dati di terze parti, richiedendo alle aziende di cancellare o rendere anonimo qualsiasi dato sulle persone che non hanno esplicitamente concesso il consenso.

I dati sono una risorsa importante per moltissimi brand. Il problema oggi è che molti dei dati non sono resi anonimi, il che potrebbe portare a violazioni della privacy, sono un problema all’ordine del giorno nel mondo digitale. Se ricordi lo scandalo della violazione dei dati di Facebook e Cambridge Analytica, sai di cosa stiamo parlando. Le informazioni personali di milioni di persone vengono utilizzate per scopi politici senza il loro consenso. Questo è problematico perché questi dati non dovrebbero essere condivisi o venduti ad altre aziende senza consenso.

I dati di prima parte sono cruciali perché si ha un controllo importante su di essi. Se li raccogliete correttamente potete usarli nella vostra strategia.

Questo è il momento in cui l’AI data enrichment viene in aiuto e rende queste informazioni preziosissime. L’analisi e la raccolta di dati di intelligenza artificiale in Ghostwriter AI significa accedere a dati freschi e totalmente anonimi. Ci prendiamo cura dei diritti umani e la privacy è una delle cose più importanti da proteggere. 

Aiutiamo le aziende a costruire un rapporto più significativo con i clienti, con una strategia di data enrichment, mettendo dati e privacy al sicuro.

Conclusioni

I tool di data enrichment sono strumenti che ti aiutano a trasformare i tuoi dati di prima parte in qualcosa di più utile, aggiungendo informazioni contestuali sintetiche che potenzialmente corrispondono ai tuoi clienti, alla posizione o agli interessi di acquisto. Conclusioni

I dati sono una questione complessa e delicata al momento.

Tuttavia, il data enrichment e i dati di prima parte, soprattutto se arricchiti con l’intelligenza artificiale, sono una delle migliori risorse per conoscere meglio i vostri clienti e rendere la loro esperienza il più soddisfacente possibile.

Altro da leggere