Digital brain: IA per ottimizzare il business

digital brain

Condividi questo post

Nella live sui digital brain abbiamo capito cosa sono: micro-servizi pronti all’uso per task sempici e ripetitivi.

Laddove non c’è bisogno di personalizzare il servizio, laddove si tratti di una semplice pulizia del dato i digital brain sono soluzioni software, pezzetti di flussi strutturati che aiutano ad aumentare efficienza ed efficacia riducendo i rischi.

Molto spesso non è semplice far entrare i brand nel mondo dell’intelligenza artificiale e dei dati, e c’è bisogno di curare questo aspetto. I digital brain sono molto utili per velocizzare i processi aziendali e in generale di lavoro. Hanno livelli di complessità diversi e comunicano tra loro, rendendo le procedure più snelle e i processi di lavoro più fluidi ed efficienti grazie al machine learning.
Bisogna puntare a un funzionamento operativo, insegnando all’intelligenza artificiale cosa vogliamo e correggendo gli errori attraverso un addestramento continuo.

Nonostante il successo degli ultimi anni, l’intelligenza artificiale vede ancora pochi player in Italia, soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo di algoritmi di machine learning. 

Osare qualcosa di nuovo capita quando nasce ogni progetto nuovo, risolvendo così i problemi in modo leggermente diverso ogni volta.

In questo settore si è creata anche una community affiatata, elemento non scontato ma molto importante. 

Per osare, bisogna lavorare cercando un modo di vedere le cose che sia diverso, innovativo. Si lavora in concept, insieme al cliente per poter essere concreti anche nelle aspettative. L’AI è un asset cruciale nella digital transformation. L’intelligenza artificiale serve per risolvere problemi, tutti diversi, ognuno in base alla sua specificità. La digital transformation parte anche da questo. 

Il nostro ospite: Salvatore Palange

Salvatore Palange è CEO e founder di Fluel.

I LiveTalk di Ghostwriter AI
I nostri LiveTalk sono un incontro settimanale in cui parliamo con un/a professionista di come sia possibile osare per innovare nei diversi ambiti del business, e di come l’Intelligenza Artificiale può aiutare i processi.

Altro da leggere